La Compagnia “Carlo Magno”

La Compagnia “Carlo Magno” è nata per iniziativa di Enzo Mancuso, ultimo discendente della omonima famiglia di pupari che diede inizio alla propria attività a Palermo nel 1928, aprendo un teatrino dell’Opera dei pupi nel quartiere Borgo Vecchio.

Il Cavaliere Antonino Mancuso, allievo del puparo Pernice, trasferì il suo teatro in diverse zone di Palermo e in vari paesi della provincia, anche con l’invenzione di un teatro fisso sopra un camion , fino ad attivare un teatro stabile a Palermo in piazza don Luigi Sturzo, che rimase attivo fino alla sua morte, nel 1988. Il cavaliere Mancuso fu grande nelle innovazioni delle armature con elmi alla greca e romani; per le rappresentazioni degli spettacoli si avvaleva dell’aiuto dei figli Nino, Pino e Stefano; ebbe notorietà nazionale partecipando a Lascia o Raddoppia, una delle prime trasmissioni della televisione italiana, come esperto della storia dei Paladini di Francia.

Il Cav. Antonino Mancuso, nonno di Enzo, e, dietro le quinte, lo zio Pino.

Suo figlio Nino, nato a Palermo nel 1934, all’età di 14 anni mette in scena il suo primo ciclo della storia dei paladini di Francia, in 360 serate, nel paese di Misilmeri nei pressi di Palermo e continua a collaborare con il padre fino alla sua scomparsa; Nino è ancora oggi abilissimo puparo ed è considerato anche un esperto costruttore.

Il papà di Enzo, Nino Mancuso

Dei suoi figli soltanto Enzo segue le orme.

Enzo, nato a Palermo nel 1974, è titolare dell’attuale compagnia ed è perciò figlio e nipote d’arte; intraprende il mestiere fin da bambino come aiutante, esordisce a 13 anni come precocissimo puparo con il suo primo spettacolo “Morte di Agricane”. Restaura alcuni pupi ereditati dal nonno ed inizia la sua autonoma attività nel 1994.

Enzo Mancuso

Con l’insegnamento del padre e dello zio si dedica alla costruzione dei pupi, usando le antiche tecniche dei vecchi maestri, mettendo in scena alcune episodi legati alla storia dei paladini di Francia. Il giovane Enzo Mancuso, oggi considerato il più giovane puparo palermitano, non si è fermato all’apprendimento delle tecniche della costruzione e della manovra, ma ha approfondito lo studio di vecchi “canovacci” e perfezionato la tecnica recitativa.

Nel 1999 mette in scena il suo spettacolo sperimentale dal titolo “Opra folle: pupi, cuntu e farsa” col quale manifesta, oltre l’amore per i pupi, l’interesse per il Cunto, antica forma di narrazione orale.

Sempre nel 1999 Enzo insieme alla sua compagnia partecipa al progetto finanziato dal Comune di Palermo “Opra e Tutui” presso l’Istituto delle Artigianelle alla Kalsa (PA)

La sua compagnia denominata Carlo Magno ha partecipato a più edizioni ad importanti festival del teatro di Figura: al Festival di Morgana e alla Notte delle Marionette organizzati dal Museo Internazionale delle Marionette di Palermo; alla Macchina dei Sogni organizzata dall’Associazione “Figli d’arte Cuticchio”; alla Rassegna del teatro delle marionette organizzata dal Comune di Sortino; al 30° Festival di Sant’Arcangelo.

Nel 2000 Enzo Mancuso viene chiamato a condurre un laboratorio(costruzione di pupi e burattini) nella sala teatro della Direzione Didattica Leonardo da Vinci di Palermo.

Dal 1999 al 2005 la compagnia più volte viene inserita nelle manifestazioni estive promosse dal Comune di Palermo (Palermo di Scena e Palermo Tutta).

Anche nel 2002 Enzo viene chiamato come maestro-costruttore nei locali laboratoristi della direzione didattica “Pallavicino” di Palermo.

Nel 2003 Enzo apre un teatro stabile dell’Opera dei pupi in via Collegio di Maria nel quartiere Borgo vecchio a Palermo ed ogni anno organizza una programmazione stabile di spettacoli.

Dal 2003, ogni anno per conto del Comune di Palermo, in occasione del Festino, rappresenta nel proprio teatro “La Storia di Santa Rosalia”;

nel 2004 prende parte con i suoi spettacoli a un grande progetto denominato P. E. M. (Partnership Ethnografic Museums) e all’interno di questo partenariato tra musei etnografici europei è stato presente coi i suoi pupi al Museo Etnografico de Castilla y Leon (Zamora – Spagna), al Musèe de Normandie(Caen – Francia), al Muzejso Ethnografphic Brivdabas in Lettonia e al Museo degli Usi e Costumi della Gente Trentina in Italia e precisamente a Trento.

Dal 2005, come compagnia stabile del Museo Internazionale di Palermo rappresenta ogni martedì e venerdì un episodio legato alla Storia dei paladini di Francia;

Nel 2005 Enzo Mancuso insieme alla sua compagnia all’interno del progetto “a scuola dai nonni” viene chiamato a condurre un laboratorio di costruzione e recita nel liceo scientifico statale”Galileo Galilei”(PA) e forte dalle esperienze passate dal 2005 al 2007 per il progetto “Biancaneve” per ben tre anni viene chiamato come maestro per condurre un laboratorio dove vedeva impegnati 10 ragazzi della scuola P. Novelli di Monreale nella costruzione e recita dei pupi siciliani.

Nel 2006 per conto dell’Assessorato alla Pubblica istruzione(Comune di Palermo) ha partecipato al progetto intitolato “La scuola il teatro e le tradizioni” che ha avuto la finalità di fare scoprire ai bambini delle scuole materne il mondo fantastico dell’opera dei pupi;

Nel 2007 per conto del Comune di Palermo ha avuto affidato l’incarico di ristrutturare il teatro di pupi del Museo etnografico G. Pitrè ed inaugurare il 27 Marzo con i suoi spettacoli la nuova sede del Museo (Palazzo Tarallo).

Ancora una volta, come negli anni passati, e precisamente il 20-21-22 aprile 2007, il suo teatrino dei pupi “Carlo Magno” è stato adottato dagli alunni della D.D. La Masa nell’ambito della manifestazione “Palermo apre le porte – la scuola adotta la città”. Questo progetto, frutto della collaborazione tra l’assessorato alla Pubblica istruzione ed alle Politiche educative del Comune e le scuole elementari, medie e superiori della città è una manifestazione che impegna dirigenti scolastici, docenti ed alunni, trasformando questi ultimi in guide turistiche ed ha come obiettivo l’educazione alla legalità attraverso l’appropriazione del territorio locale.

Sempre nel 2007 la sua Compagnia e precisamente a Luglio è stata presente come evento speciale della rassegna estiva denominata “Estate 2007 in villa Badoer” con i suoi spettacoli negli spazi della suggestiva villa Badoer (dichiarato nel 2005 dall’UNESCO bene immateriale dell’umanità ) in Fratta Polesine – Rovigo.

Nel 2008 nel mese di Maggio è stata presente con i suoi spettacoli tradizionali di pupi siciliani in Spagna rispettivamente a Mirando de Ebro(Centro Cultural de Caja de Burgos), Burgos(Cultural Cordon- Caja de Burgos) e Aranda de Duero(Centro Cultural de Caja de Burgos), mentre in Germania a Bonn la compagnia ha rappresentato la Sicilia con un mini ciclo di spettacoli all’interno della sala teatrale del Kunstmuseum.

Sempre nel 2008 nel mese di novembre la compagnia con lo spettacolo di pupi “la morte del gigante Gattamugliere” ha partecipato al 1° “Storytellingfestival” organizzato dalla Casa Museo Antonino Uccello di Palazzolo Acreide (Siracusa).

Nel 2009 all’interno del XXXIV Festival di Morgana organizzato dal Museo Internazionale delle Marionette di Palermo la compagnia ha rappresentato due nuove produzioni in data 28 novembre e 04 dicembre rispettivamente dal titolo “ Rodomonte alla battaglia di Parigi e Cloridano e Medoro” e Rinsavimento di Orlando e triplice duello di Lampedusa”.

Nel 2009 all’interno del XXXIV Festival di Morgana organizzato dal Museo Internazionale delle Marionette di Palermo la compagnia  rappresenta due nuove produzioni  in data 28 novembre e 04 dicembre rispettivamente dal titolo “ Rodomonte alla battaglia di Parigi e Cloridano e Medoro” e Rinsavimento di Orlando e triplice duello di Lampedusa”.

Sempre nel 2009 per il terzo anno consecutivo per tutto il  periodo di dicembre organizza nel proprio teatro “Carlo Magno” di via Collegio di Maria,17 (zona Porto di Palermo) la Rassegna dal titolo “ La tradizione è arte” dove oltre ad ospitare altre compagnie di pupari, si esibiscono giovani cantastorie e cuntastorie di grandi talento..

Nel 2010, precisamente nella prima decade di  Agosto, viene  inaugurata con gli spettacoli di pupi “ Orlando libera Angelica” e “ le Tredici ferite di Rinaldo”  l’apertura dell’ex stabilimento tonnara Florio di Favignana.

Sempre ad agosto la compagnia Carlo Magno  viene inserita  nel cartellone estivo del Comune di Bagheria(PA) e nel cartellone “l’estate Ambrosiana”di Cefalù(PA).

Come negli anni passati la compagnia nel mese di Novembre partecipa al XXXV festival di Morgana organizzato dal Museo Internazionale delle Marionette di Palermo rappresentando n. 5 repliche dello spettacolo “Giostra bandita di Carlo Magno”.

Sempre a Novembre a Palermo la compagnia rappresenta un nuova produzione  raccontando “la storia dello sbarco di Garibaldi a Palermo”;

Nel mese di dicembre,  “l’associazione Carlo Magno” sotto la direzione artistica di Enzo Mancuso è stata impegnata nell’organizzazione della IV edizione di “ Natale è tradizioni”, rassegna di pupi, cuntastorie e cantastorie.

Nel 2011, con gli spettacoli  “Opra Folle: pupi, cunto e farse” e “La morte del Gigante Gattamugliera” la compagnia è stata  inserita nel circuiti estivi  dei comuni di Bagheria, Trabia e S. Stefano di Quisquina; a settembre invece è stata  presente a Casteldaccia all’interno dell’incantevole Tonnara di Soltanto con lo spettacolo di pupi “Il Gran  duello di Orlando e Rinaldo”;

Nel  Novembre del 2011,  la compagnia con una triade di episodi dedicati alle vicende del prode Orlando è stata presente  al “Morgana Off” rassegna organizzata dal Museo Internazionale delle Marionette di Palermo;

A Dicembre la compagnia è stata inserita all’interno del festival  Oral and intangibile heritage festival” ed è stata a Noto – Palazzo Trigona – Sala Gagliardi  con lo spettacolo di pupi  “La morte del gigante Gattamugliera” ; sempre nel mese di dicembre per il Circuito Unesco la compagnia è stata presente con i suoi spettacoli a Misterbianco all’interno dello stabilimento Monaco;

Sempre a Dicembre per il cartellone Natalizio del Comune di Favignana  la compagnia ancora una volta ha rappresentato all’interno dell’ex stabilimento Florio di Favignana  i suoi spettacoli tradizionali di pupi;

Per finire, ancora una volta, come negli anni passati, l’Associazione Carlo Magno sotto la direzione artistica di Enzo Mancuso è stata impegnata  nell’organizzazione della V edizione della rassegna “Natale è tradizioni”, rassegna di pupi, canti e cunti.

Nel 2012 l’Associazione nel proprio teatrino  di pupi fin dai primi mesi organizza una serie di spettacoli destinati ad un  circuito dal titolo” Sicilian Puppet Shows”; sempre nel 2012 per conto della Provincia Regionale di Palermo viene chiamato a dirigere un laboratorio sulla costruzione di pupi siciliani dal titolo “ l’Arte del puparo”, le scuole interessate  sono state: D.D. Palmeri di Termini Imerese, D.D. Luigi Pirandello di Bagheria e Almejda di Palermo.

Nel periodo estivo la compagnia con lo spettacolo di pupi “Agricane  il re dei Tartari” è stata presente a Trabia, Ficarazzi, Lucca Sicula; il 21 e 22 Ottobre la compagnia  sempre con i pupi è stata presente a Saluzzo(CN); mentre a Natale per il 6° anno consecutivo ha organizzato la rassegna “Teatro e  tradizioni”.

       Nel 2013 la compagnia visto il successo ottenuto ha ripetuto l’esperienza  organizzando la 2°  edizione  di ”Sicilia puppet Shows”; A Maggio la compagnia è stata presente a Roma facendo un mini ciclo di spettacoli di pupi nel teatro   Santa Lucia,   mentre a giugno per conto dell’Istituto Italiano di Cultura del Lussemburgo con lo spettacolo “Il duello di Orlando e Rinaldo” è stata presente nel teatro municipale Esch- in Esch- sur-Alzette(Granducato del Lussemburgo). Nel periodo estivo la compagnia con i suoi pupi è stata presente a Ficarazzi, Misilmeri, Termini Imerese. A Natale anche quest’anno ha organizzato la 7° edizione intitolata “Natale e Tradizioni” rassegna di pupi, cunto e canti.

2014 – Anche quest’anno nel nostro teatrino stabile di pupi “CARLO MAGNO”  sito nel quartiere Borgo Vecchio di Palermo abbiamo riproposto  una programmazione stabile di spettacoli di pupi siciliani a puntate legati alla Storia dei Paladini di Francia; nel corso dei mesi abbiamo rappresentato : Morte del re Pipino di Francia, Le Farse di Nofriu e Virticchiu, Le Avventure di Carlo Magno, La Nascita di Orlandino, Ruggiero Libera Milone, Riconoscenza di Buovo con i suoi figli, La Morte di Agricane Re dei Tartari, Il Gigante dalla voce incantata, Le Avventure di Ruggiero d’Africa, Arrivo di Angelica a Parigi, La Pazzia di Orlando e Duello ed amore tra Bradamante e Ruggiero.

Il 21-22-23 Marzo la compagnia  è stata a Roma al Museo Nazionale delle arti e  tradizioni popolari con un classico dell’opera dei pupi “IL Duello di Orlando e Rinaldo per amore della bella Angelica; 

ad aprile  come negli anni passati, abbiamo dato la nostra disponibilità    all’iniziativa promossa dal Comune di Palermo “Panormus, la scuola adotta la città XX Edizione.” dove ha visto  dal 4 al 6 aprile gli alunni della DD Orestano adottare il nostro teatrino e   fungere da ciceroni a turisti e visitatori presenti in città;

Per tutto il mese di Maggio la compagnia è stata impegnata in un  duplice laboratorio dove ha visto  il coinvolgimento diretto degli alunni delle classi prime e seconde della scuola secondaria di 1° grado della S.M.S. Ignazio Florio di Palermo  con la  messa in scena e la recita dello spettacolo “Il Duello di Orlando e Rinaldo per amore della bella Angelica” e nell’apprendistato delle tecniche di racconto(cunto) attraverso lo studio e la recita del testo religioso in dialetto siciliano della Storia di Santa Rosalia ;

A Luglio e precisamente il 12-13-20-21 con il patrocinio del Comune di Palermo nel nostro teatrino stabile Carlo Magno abbiamo rappresentato in occasione del Festino di Palermo lo spettacolo “Ri Carlo Magno re Imperaturi a Rosalia Sinibaldi”  e lo  spettacolo “Il Duello di Orlando e Rinaldo per amore della bella Angelica” e sempre nelle stesse date dalle ore 9,00 alle 13,00 e dalle 14,00 alle 18,00 abbiamo condotto sempre con il patrocinio del Comune di Palermo  il  laboratorio “La Bottega del puparo”  come si costruisce un pupo siciliano  (dall’assemblaggio di un corpo nudo di un pupo all’assemblaggio di un pupo armato);

Il 23 e 24 luglio, nell’abito della manifestazione “ I Cavalieri della memoria” la compagnia è stata presente ad Agrigento e precisamente all’interno della Valle dei Templi – Tempio di Giunone con lo spettacolo di Cunto “Morte del re Pipino e fuga di Carlotto” e con lo spettacolo tradizionale di opera dei pupi “Duello di Orlando e Rinaldo per amore della bella Angelica”;

Nel mese di Agosto la compagnia in occasione della Sagra del Nespolo in Trabia(PA) ha rappresentato lo spettacolo di opera dei pupi “I Fatti di Malguerra” e per il cartellone estivo è stata anche presente a Burgio(AG) e a Ficarazzi(PA);

Nel mese di ottobre la compagnia è stata presente con lo spettacolo tradizionale di opera dei pupi “Duello di Orlando e Rinaldo” in Germania e precisamente il 15 e 17 a Monaco di Baviera presso l’istituto scuola Italo-tedesco “ Leonardo da Vinci” e il 18 e 19 ottobre ad Augsburg   presso il teatro Abraxas

Il 13 e 14 Novembre nell’ambito delle attività didattiche “ L’opera dei pupi, Patrimonio immateriale dell’umanità e strumento di promozione dei valori della legalità” organizzata dalla Fondazione Ignazio Buttitta siamo stati con i nostri pupi a Gagliano Castelferrato(EN) e a Troina(EN)

IL 6 dicembre al Museo Internazionale delle Marionette di Palermo in memoria del Cavaliere Nino Mancuso, scomparso ad Agosto 2013 , abbiamo organizzato una serata in ricordo del Maestro Nino Mancuso dove nell’occasione è stato proiettato un video di Giuseppe Sinatra “Le voci di Angelica” dove assemblava i momenti più importanti di vita di Nino Mancuso come puparo.

Sempre nel mese di dicembre e precisamente il 18-19-20 ancora una volta con il patrocinio del Comune di Palermo abbiamo rappresentato nel nostro teatrino stabile di Palermo n. 3 repliche dello spettacolo “I Fatti di Malaguerra” e il laboratorio “La Bottega del puparo – come nasce un pupo”.

 

Galleria di immagini storiche della famiglia Mancuso

In questo album fotografico ci sono delle foto ricordo della storia della famiglia che dal 1928 sono “Pupari a Palermo”… in quegli anni il teatrino era in funzione 365 giorni all’anno e la gente veniva la sera a vedere “l’opra” come oggi accendiamo la TV…

Il Puparo

foto e testi copyright ©Carlo Di Franco (www.palermoweb.com/panormus ) Clicca sulle foto per ingrandirle  Per raccontare le imprese memorabili dei Paladini di Francia, antiche gesta cavalleresche, si muovono, in un artificioso teatrino, i “pupi” di legno, lamiera e stoffa adornati e lucidati, a realizzarli dandone anima e corpo è il “puparu”, un antico mestiere, oggi …

Vedi pagina »

L’origine dell’opera dei pupi

Testi e foto di ©Enzo Mancuso, Clicca sulle foto per ingrandirle  E’ estremamente difficile individuare con certezza in quale periodo nascono i pupi (dal latino Pupus, che significa bambinello) e il luogo da cui parte questa tradizione; le prime e poche testimonianze sono state scritte da Giuseppe Pitrè (fondatore della demologia, la scienza che studia le manifestazioni, …

Vedi pagina »